Come preparare l’insalata perfetta per il lunch box

Dopo l’avvento del lunch box (portapranzo), diventato famoso anche come schiscetta, mangiare in ufficio è diventato un modo alternativo di pranzare in maniera sana ed economica rispetto al bar o al fast food. Uno dei cibi più gettonati è sicuramente l’insalata, un alimento salubre e leggero che se non viene preparato attentamente può sciuparsi. Fortunatamente ci sono molti metodi per mantenere l’insalata fresca e appetitosa, e consumarla senza problemi anche dopo alcune ore dalla sua preparazione. I seguenti 5 passi per trasportare l’insalata perfetta nel lunch box saranno molto utili per gustare un’insalata perfetta in compagnia dei propri colleghi.

Perché tutte queste attenzioni solo per un’insalata nel lunch box?

Per trasportare un’insalata nel lunch box è importante seguire i passi consigliati per più ragioni. Per esempio, se l’insalata viene condita a casa, molto probabilmente dopo 4/5 ore sarà troppo ‘bagnata’ o addirittura sciupata.

Conviene quindi preparare un’insalata a ‘strati’, dove non dovranno mancare né proteine né cereali, visto che probabilmente sarà un pasto primario (quindi dovrà essere nutriente ed energico). Il segreto è collocare le foglie dell’insalata il più lontano possibile dal condimento, per non farle appassire o bagnare troppo.

5 passi per preparare l’insalata perfetta nel lunch box

  1. Il condimento è consigliato metterlo sul fondo del lunch box. Se ne può preparare uno classico e gustoso, con olio di oliva extravergine, aceto, sale e pepe, ma si possono anche fare condimenti originali, che daranno alla vostra insalata un sapore assolutamente diverso ogni giorno. Potrebbe essere una vinaigrette con limone, mostarda, semi ed erbe aromatiche, come anche uno speciale condimento allo yogurt o al curry se vi piace il piccante (troverete un paio di ricette continuando a leggere l’articolo).
  2. Il secondo strato della schiscetta sarà occupato dalle verdure ‘dure’, quindi carote, barbabietole, cetrioli e simili. Se vi riesce, cercate di variarle spesso, scegliendone almeno 3 per ogni insalata nel lunch box.
  3. Adesso tocca ai cereali, i legumi, le proteine o quello che deciderete di mettere per completare il pasto. Riso integrale, pasta, ceci, quinoa, uova, pollo, formaggio, ecc… sbizzarritevi nella scelta e nella varietà!
  4. Nel penultimo strato si aggiungono frutta e/o verdura più morbide tra cui l’avocado, la mela, l’arancia, la cipolla e, a piacere, anche semi o della frutta secca.
  5. Infine la lattuga e le altre verdure a foglia verde, come gli spinaci, la rucola, ecc…

Nel momento in cui deve essere consumata, l’insalata può essere versata in un piatto o se il lunch box è sufficientemente grande per mescolarla, potrà essere mangiata direttamente da dentro.

Un alternativo trucco per non far entrare in contatto il condimento con nessuno degli alimenti fino al momento di mangiare, è usare della carta da forno come ultimo strato dell’insalata in cui si versano olio e aceto, che rimarranno così separati dal resto.

Ricette di condimenti e insalate per il lunch box

Condimento allo yogurt e miele

Noi italiani non siamo molto abituati ai sapori dolci con l’insalata, ma quando li proviamo, difficilmente ne rimaniamo disgustati! In questo caso si utilizza uno yogurt naturale, quindi bianco e senza zucchero. Se ne mescolano un paio di cucchiai con un cucchiaino di miele, un aglio tritato, un paio di cucchiai di olio, qualche cucchiaio di succo di limone e un misto di erbe aromatiche tritate a piacere (si può scegliere tra menta, basilico, aneto, coriandolo, ecc…). Mescolare accuratamente e versare due/tre cucchiai nel lunch box per poi procedere come sopra spiegato all’inserimento dei restanti ingredienti.

Dressing alle noci

Un altro dressing (ossia condimento) decisamente gustoso per arricchire un’insalata classica è quello alle noci.  Si mescolano alcune noci sgusciate a due o tre cucchiai di yogurt al naturale non zuccherato, a cui si aggiungono sale e pepe a piacere. Si trita tutto insieme e se ne usano un paio di cucchiai per ogni porzione di insalata nel lunch box.

Condimento al curry

Ecco una versione piccante e gustosa che darà un sapore indiano alla vostra insalata. Si usa un cucchiaino di curry con 3 cucchiai di yogurt al naturale, un cucchiaio di maionese, il succo di mezzo limone, una grattata di zenzero e uno spicchio d’aglio schiacciato. Si mescola tutto e si lascia riposare almeno un’ora, per poi togliere l’aglio e versare il composto ottenuto sulla nostra insalata.

Insalata di spinaci, ceci e avocado

Per il condimento si mescolano il succo di un limone con una tazza di coriandolo, due cucchiai di olio di oliva, un cucchiaio di aceto, un pizzico di sale e tritiamo tutto. Mettere alla base del lunch box 3 cucchiai di condimento, poi ½ peperone rosso tagliato a cubetti e una manciata di carote grattate. Aggiungere poi 2 cucchiai di ceci lessi, ½ cipolla di Tropea, ¼ di cetriolo, 4 fiori di broccoli e un cucchiaio di semi di zucca. Come ultimo strato alcune foglie crude di spinaci baby.

Insalata di rucola, quinoa e mango

Il condimento per questo tipo di insalata è composto da 2 cucchiai di olio di oliva con il succo di mezzo limone e di mezzo lime, il tutto tritato con qualche foglia di menta. Sopra il condimento mettiamo ½ cetriolo e un pezzetto di sedano, tutto tagliato a piccole fette. Sempre qui, a piacere, può essere aggiunta mezza carota grattata. Aggiungere quindi la quinoa cotta (un paio di manciate) e successivamente dei pomodorini ciliegia tagliati a metà. È il momento di aggiungere qualche cubetto di mango e infine come ultimo strato la rucola e qualche cuore di lattuga.

/ Questo potrebbe interessarti:

Seguici

Tutti i diritti riservati © Marktplatz Mittelstand GmbH & Co. KG 1996-2019