Scopri il significato di 9 marchi famosi in tutto il mondo

Il marchio per un’azienda è il suo biglietto da visita. Ci sono moltissimi nomi che a noi ormai sono così familiari che ci fanno associare immediatamente il prodotto al suo marchio. Sono vere e proprio istituzioni e, anche se non ci capita di ragionarci su, il loro nome ha una sua origine, più o meno significativa.

Spesso infatti i marchi famosi nascondono una piccola storia, o qualche messaggio più o meno celato. Vediamo qualche esempio.

Coca-Cola

Il marchio della bevanda più famosa al mondo va fatto risalire al socio del suo stesso inventore (John S. Pemberton nel 1886). Egli cercò di realizzare un marchio semplice, ma efficace, abbinando la doppia “C” dei suoi inimitabili ingredienti (noci di cola e pianta di coca) e usando il riconoscibilissimo corsivo mantenuto fino ai giorni nostri. Alcuni ritrovano nel logo anche un’immagine della bandiera danese, forse perché la Danimarca è uno dei paesi più felici al mondo.

 

Adidas

Adidas deve il nome del suo marchio al suo fondatore, Adolf “Didi” Dassler, e il simbolo con le tre strisce è ben noto e riconoscibile. L’aspetto più interessante invece del logo è la parte superiore che simboleggia una montagna stilizzata, che ricorda agli atleti che scelgono questo brand, di intraprendere sempre nuove sfide e cercare di superare i propri limiti.

 

Ikea

Ikea ci suggerisce invece un significato quasi nostalgico: oltre a essere l’acronimo delle iniziali del suo fondatore, infatti, il logo include l’iniziale della fattoria dove passò la sua infanzia e anche quella della sua parrocchia natale. Da qui il fondatore partì per vendere tutto ciò di cui la gente aveva bisogno ad un prezzo ridotto, facendo poi crescere l’azienda ai livelli che ormai tutti conosciamo.

 

Amazon

Il marchio e logo di Amazon è ben più pragmatico: modificato più volte nel corso degli anni, la versione attuale è alquanto chiara. La parte finale indica dove possiamo trovare Amazon (.com, o .it a seconda del paese), cioè ovviamente online, mentre una freccia arancione vola dalla A alla Z della parola stessa, come per farci sapere che troveremo infallibilmente tutti i prodotti che cerchiamo. Il nome invece ha un origine piuttosto buffa… inizialmente infatti si chiamava cadabra.com, ma essendo un richiamo al macabro (cadavere), cercarono un nome idoneo che iniziasse con ‘a’ per apparire primi secondo l’alfabeto e scelsero appunto “Amazon” dal Rio della Amazzoni.

 

Toblerone

E il Toblerone? Chi non ha mai assaggiato la squisitezza di una delle cioccolate più famose al mondo? Il significato del marchio ci riporta direttamente alla città svizzera di Berna, riportandone il simbolico orso che si arrampica sul Cervino.

FedEx

Anche FedEx sceglie di rappresentare una delle migliori caratteristiche dell’azienda con un’ottima strategia di comunicazione sul proprio logo: infatti fra la E e la X si può notare chiaramente una freccia, che rappresenta la velocità con la quale si muove FedEx nelle consegne della merce che gli viene affidata. Il significato del nome è molto semplice, visto che è solo l’abbreviazione di Federal Express.

 

Google

Come non citare il motore di ricerca più consultato al mondo? Il logo interattivo di Google si modifica esteticamente, ma i colori non cambiano e ricordano i cerchi olimpici, uno per ogni continente, dando l’idea di un brand aperto e coinvolgente per tutti. La parola stessa, invece, nasce dal termine matematico “Googol” che indica il numero che si ottiene moltiplicando 10 per se stesso per 100 volte, chiaramente volto a significare la possibilità di effettuare una ricerca su un numero di pagine web enorme.

Nutella

Nato dalla sostituzione del precedente marchio “Supercrema Giandujot”, il marchio Nutella ha un significato semplice ed orecchiabile, che lo rende riconoscibile in tutto il mondo: è la parola “nut” in inglese (nocciola) per la radice, ed “ella” per una desinenza semplice e dal gusto tipicamente italico.

 

Apple

Infine, ecco un marchio il cui significato resta tuttora avvolto da qualche dubbio: qual è l’origine della mela morsicata più famosa al mondo? Tante sono le ipotesi, a partire da un omaggio ad Isaac Newton, o forse alla casa discografica dei Beatles, la “Apple Records”, o al pioniere informatico Alan Touring, suicida grazie alla mela avvelenata da lui stesso, oppure, molto semplicemente, la mela era il frutto preferito del suo fondatore, Steve Jobs.

 

/ Questo potrebbe interessarti:

Seguici

Tutti i diritti riservati © Marktplatz Mittelstand GmbH & Co. KG 1996-2019