Come appendere un quadro al muro in 7 passaggi

Capita quasi a tutti di comprare un quadro e di lasciarlo appoggiato da qualche parte senza appenderlo. E non succede per distrazione, ma piuttosto perché non è stato possibile fissarlo per uno o più motivi. Eppure sembra semplice: un chiodo, un martello e via. Anche a te è capitato e sei entrato in crisi come la maggior parte delle persone?
In effetti, anche se può sembrare un gioco da ragazzi, ci sono un sacco di cose da tenere in considerazione prima di appendere un quadro. Il rischio infatti è quello di fare un buco nel muro troppo grande, di metterlo storto o di posizionarlo non in armonia con la stanza e l’arredamento… Non chiamare un esperto e non scoraggiarti, ma prova a seguire i passaggi qui proposti perché ti aiuteranno finalmente ad appendere il quadro al muro proprio come desideri.

1. Valuta correttamente le dimensioni

Il quadro che scegli dovrebbe essere proporzionato alla parete dove lo appenderai: non deve essere né troppo grande né troppo piccolo. Questo non vuol dire che devi fare complicati calcoli geometrici. Affidati al tuo occhio e senso estetico, saranno gli strumenti giusti per valutare questo punto.

2. Scegli la posizione ideale

Per appendere un quadro il centro della parete non è sempre l’ideale. Infatti, in presenza di un mobile alto è più adeguato centrare la porzione della parete rimanente. A seconda della stanza, come per esempio in un angolo lettura o in un salottino, potrebbe essere più piacevole allineare il centro del quadro con quello di una poltrona o di un divano.

3. Misura la distanza da terra

Per essere ammirato da una persona di statura media, il quadro dovrebbe essere più o meno ad altezza occhi. In una stanza di passaggio la posizione corretta è di circa 150 cm da terra, visto che verrà guardato stando in piedi. In salotto o in cucina invece puoi posizionarlo un po’ più in basso, a seconda dell’altezza della seduta.

4. Prendi alcuni accorgimenti

Il quadro non deve essere mai posizionato sopra una fonte di calore perché potrebbe danneggiarsi o invecchiare precocemente. Per lo stesso motivo non deve neanche essere esposto alla luce solare diretta. Assicurati inoltre che nel punto dove devi forare la parete non vi siano cavi elettrici e/o idraulici.

5. Prepara il quadro

Il quadro è provvisto di asola (attaccaglia) catena o cordicella per appenderlo? Se non lo è, procurati per quadri di piccole dimensioni un’attaccaglia (di quelle che si trovano facilmente anche al supermercato confezionate assieme ai chiodi) e fissala a metà della cornice superiore (usa un metro per essere più preciso). Per quadri di medie o grandi dimensioni, posizionane due sui montanti laterali (agli incroci della cornice) per distribuire meglio il peso.

6. Scegli chiodi o tasselli

I chiodi sono indicati per pareti murarie con intonaco resistente e per quadri piccoli o comunque poco pesanti. Le dimensioni e la lunghezza puoi fartele consigliare dal ferramenta e con un semplice martello il gioco è fatto, devi solo mantenere il chiodo dritto quando ci batti sopra.
I tasselli sono ideali sia per pareti murarie che per quelle in cartongesso. Fissarli al muro però è un po’ più impegnativo rispetto a un chiodo e per farlo servono un trapano e le punte adatte alla parete da bucare. Nel caso questa sia la prima volta che usi un trapano, ti consiglio di farti aiutare, visto che è pesante, vibra fortemente durante l’uso e potresti fare un danno, oltre a farti male. La dimensione del tassello puoi sceglierla con il ferramenta. Quindi quando ti rechi al negozio tieni a mente le misure del quadro e il tipo di parete.

7. Passa all’azione

Accostando il quadro al muro e facendo passare una matita attraverso l’attaccaglia, segna il punto da forare. Prendi una punta per il trapano di diametro uguale a quello del tassello e una di 2mm più piccola. Quest’ultima montala per prima e fai il foro rimanendo con il trapano in posizione perpendicolare rispetto al pavimento. Inserisci quindi la seconda punta e allarga il foro, dopodiché posiziona il tassello e avvolgi la vite. Aggancia il quadro e… finito!

Può sembrare più complicato di quello che è, ma alla fine appendere un quadro al muro seguendo questi consigli diventa piuttosto semplice. L’unica complicazione può essere data dall’uso del trapano, ma oggi ne esistono di pratici e maneggevoli facilmente utilizzabili anche dagli inesperti. Quindi corri a cercare nuovi quadri da appendere, adesso che sai come farlo!

/ Questo potrebbe interessarti:

Seguici

Tutti i diritti riservati © Marktplatz Mittelstand GmbH & Co. KG 1996-2017