11 malattie comuni in gatti e cani: scopri come evitarle

Se hai scelto di condividere la tua casa con un amico a quattro zampe probabilmente sai già quanto bene possa fare la presenza di un animale fra le mura domestiche… soprattutto per l’affetto incondizionato che possono dare cani e gatti.

Occorre però tener bene a mente che anche gli animali vanno curati e controllati con regolarità, cercando di prevenire ed evitare le più comuni malattie che colpiscono sia cuccioli che adulti.

Essenzialmente, le vaccinazioni effettuate fin dai primi mesi di vita sono il modo migliore per evitare alcune malattie comuni, purché vengano eseguiti regolarmente i vari richiami. Esistono comunque molte altre patologie che non devono coglierti impreparato. Per praticità abbiamo suddiviso le malattie tipiche dei cani da quelle dei gatti. Buona lettura!

 

6 malattie pericolose, ma evitabili, per i cani

  1. Il cimurro: malattia virale altamente contagiosa, che parte dalle tonsille per poi diffondersi nel resto del corpo, diventando difficile da curare. Il veterinario potrà infatti solo trattarne i sintomi e tentare di prevenirne le complicazioni. Più sono basse le difese immunitarie e peggio il cane riesce a difendersi (quindi i cuccioli in particolare sono a rischio). Il vaccino e tutti i richiami sono il modo ideale per evitare questa malattia. Non può essere trasmesso all’uomo
  2. La rabbia: è una patologia virale letale trasmessa attraverso i morsi e presenta disturbi psichici nella fase iniziale fino ad arrivare a quelli fisici (in ultimo la paralisi). Anche questa patologia non è curabile, ma si può prevenire tramite il vaccino in tenera età. La rabbia è trasmissibile anche all’uomo.
  3. La leptospirosi: è un infezione batterica che si trasmette tramite l’acqua o i cibi contaminati da altri animali infetti e non manifesta sintomi in molti casi. Al mostrarsi dei sintomi come febbre, vomito o diarrea occorre urgentemente recarsi dal proprio veterinario per iniziare un trattamento idoneo. La leptospirosi si evita tramite il vaccino, ma anche impedendo al cane di abbeverarsi da fonti di acqua stagnanti che potrebbero essere infette. Può essere trasmessa all’uomo.
  4. La malattia di Lyme: è causata principalmente da una tipologia di zecca. Può colpire in maniera molto grave e non esiste vaccino. Evita quindi di portare a passeggio il vostro amico in zone infestate dalle zecche e ovviamente utilizza un antiparassitario efficace sul cane verificando che sia idoneo a respingere l’attacco di questi insetti. Anche l’uomo si può ammalare di Lyme, ma non la prende dal cane, se non dal morso della stessa zecca.
  5. La parvovirosi: è provocata da un virus, solitamente colpisce i cuccioli e si trasmette per via orale. Provoca vari sintomi come febbre, vomito e diarrea e può portare ad una grave infiammazione cardiaca che causa la morte. Per prevenire questa patologia evita assolutamente di acquistare cuccioli dall’Est Europa: sono meno controllati e sicuramente a rischio. Inoltre, non fare camminare i cuccioli dove potrebbero essere passati animali malati, almeno finché non viene effettuato un primo vaccino. Non è trasmissibile all’uomo che invece potrebbe esserne portatore sano.
  6. La leishmaniosi: è una parassitosi particolarmente diffusa nel sud Europa, causata da un piccolo organismo che infetta il cane tramite una zanzara. Per scongiurare questa patologia, evita le uscite al tramonto, momento cruciale per le punture di zanzara e utilizza sempre collari o prodotti antiparassitari efficaci anche contro le zanzare. Può essere trasmessa anche all’uomo, ma solo tramite la zanzara.

 

5 malattie pericolose, ma anche queste evitabili, per i gatti

  1. La toxoplasmosi: molto comune nel gatto, ma anche nell’uomo, è una parassitosi che si diffonde tramite carni crude o verdure contaminate da topi e scarafaggi. Curabile con gli antibiotici, non è prevenibile con il vaccino, per cui l’unico modo di evitarla è non dare al gatto carne cruda da mangiare e non portarlo a contatto con terra contaminata che potrebbe leccare o ingerire. L’uomo la può prendere dalle feci del gatto.
  2. La panleucopenia: malattia virale del tratto gastrointestinale, è molto contagiosa, ma curabile solitamente tramite gli antibiotici. Il vaccino resta l’arma migliore per prevenirla. Non si trasmette all’essere umano.
  3. La FeLV, leucemia felina: è una malattia infettiva virale che si trasmette da gatto a gatto molto facilmente, che purtroppo non è curabile. Per evitare questa patologia esiste un vaccino ancora non completamente efficace, quindi al momento il modo migliore per prevenire è quello di castrare il gatto e non farlo avvicinare ad altri animali potenzialmente malati (come i randagi). Anche in questo caso non si trasmette all’uomo.
  4. La FIV, immunodeficienza felina: è un’altra malattia virale infettiva, più grave, equivalente al HIV umano. Frequente nei gatti che vivono all’aperto, si trasmette con facilità. Anche in questo caso non esiste vaccino e il suggerimento è ancora quello di castrare o sterilizzare il vostro amico e ridurre al minimo le uscite da casa. Come i precedenti virus, non è trasmissibile all’uomo.
  5. L’obesità: infine l’obesità, un problema frequente e sottovalutato dei gatti, soprattutto in quelli castrati che vivono in casa e che può portare ad una malattia molto grave. Stiamo parlando della steatosi epatica che mette in serio pericolo il fegato del gatto. Il modo migliore per evitarla è organizzare la razione di cibo ideale giornaliera su consiglio del veterinario perché possa tornare ad un peso ottimale ed evitare il rischio di patologie del fegato.

/ Questo potrebbe interessarti:

Seguici

Tutti i diritti riservati © Marktplatz Mittelstand GmbH & Co. KG 1996-2019